Facebooktwittergoogle_plus

L’Acetaia Guerzoni vola a Houston, in Texas, per fare conoscere i suoi prodotti all’interno dell’evento di promozione “Taste of Italy” organizzato dalla ItalyAmerica Chamber of Commerce of Texas.

Un evento di promozione commerciale con l’obiettivo di valorizzare e promuovere il Made in Italy nel settore Food&Beverage.

La Camera di Commercio del Texas ha riunito, per il secondo anno consecutivo, un centinaio di produttori italiani sia singoli che consorziati e promosso incontri con buyers di catene di grande distribuzione organizzata, singoli ristoranti o associazioni di ristoratori, importatori e distributor.

L’attenzione su Houston e il Texas in generale nasce da un forte impulso e clima di espansione della città: la terza piú popolosa degli Stati Uniti oltre che il piú grande centro biomedicale americano. Senza tralasciare che la vicina Austin è la seconda Silicon Valley della California.

Per l’Acetaia Guerzoni, rappresentati in questa trasferta da Silvia Rossi, responsabile marketing dell’azienda, il viaggio è iniziato nel famoso Rodeo di Houston, dove l’Azienda ha incontrato e avuto informazioni da importatori e altre figure del settore.

All’evento erano presenti oltre 110 buyers, tra cui tra cui importatori, ristoratori, chef, docenti universitari e giornalisti (qui a Houston c’è una scuola per gli chef della catena Hilton).

“L’attenzione sul food italiano è molto forte , spiega Silvia, sono state due importanti famiglie di origini italiane – la famiglia Valone e la famiglia Mendola – che hanno iniziato qui a Hoston aprendo ristoranti italiani e che hanno dato inizio ad una lunga serie di locali di cucina italiana. Per questo motivo c’è un forte interesse nelle specialità di casa nostra, ma è necessario dare informazioni corrette sui nostri prodotti e su come poterli gustare al meglio”.

La ristorazione qui a Houston è in forte espansione, ci sono circa 15000 ristoranti – di ogni genere – le persone escono a cena almeno 3 o 4 volte a settimana, e i ristoranti sono spesso pieni e lavorano tutti, per questo motivo il ristoratore è un cliente importante, a differenza dell’Italia che cerca di spendere il meno possibile per vino e ingredienti per la cucina.

Sono stati molti i contatti interessanti, continua Silvia, tra cui due chef che sono alla ricerca di un mosto cotto particolare e un potenziale importatore.

Un’occasione importante per l’Acetaia Guerzoni che mira ad entrare nel mercato americano e promuovere il Made in Italy sinonimo di artigianalità e qualità.